Paolo Boccardi

PAOLO BOCCARDI

Paolo Boccardi, nato a Roma (1963), dal 1998 è socio dell’Associazione Arte Mediterranea di Aprilia, nella quale fa parte del Consiglio direttivo.
Frequenta il laboratorio del Maestro Antonio De Waure, approfondendo le tecniche dell’acquerello, studia le tematiche dell’illustrazione e design e collabora con diversi soggetti nello studio e sviluppo di loghi e locandine. Ha partecipato a numerose mostre collettive, concorsi ed attività benefiche, in Aprilia ed Italia in generale. 
Ha collaborato con il Comune di Aprilia per la manifestazione “La notte bianca 2006” realizzando il logo dell’iniziativa, e con molte altre Associazioni ed Enti in Aprilia tra cui la Croce Rosse Italiana. 
Dal 2006 ha avviato una fruttuosa collaborazione con il Coro Polifonico dei Liberi Cantores di Aprilia per il quale cura la realizzazione di loghi e locandine. 
Nel 2007, in occasione del gemellaggio tra il Comune di Aprilia ed il Comune di Sciacca, ha realizzato una serie di acquerelli a tema che sono stati esposti nella Ex Chiesa di Santa Margherita nella città di Sciacca (Agrigento) e sono stati quindi donati alle Maestranze locali. In collaborazione con Arte Mediterranea e con altre Associazioni partecipa a diverse attività benefiche e raccolta di fondi, attraverso la realizzazione di mostre ed altre attività attinenti alla pittura, realizzando e donando proprie opere.
Nel 2008 ha avviato una studio, sotto la supervisione del Maestro De Waure, sulle tecniche di acquerello applicate ai cieli, concretizzatosi con una esposizione presso la Sala Manzù – Biblioteca comunale di Aprilia nel marzo 2009. 
Nel 2010 ha realizzato il logo per il progetto europeo Biohypo, ed il logo per il decennale del Coro polifonico dei Liberi Cantores. Infine, in collaborazione con altri artisti ha illustrato la fiaba “i tre capretti furbetti” ed. Blurb. Ha scritto e illustrato la fiaba “Alberi” pubblicata da Archigrafica edizioni (2012). Ha partecipato a diversi corsi e workshop di illustrazione e di design. Molte sue opere figurano in collezioni pubbliche e private.

ventennale_webPBGRAPH_04_COLORE_BIOHYPO

OLYMPUS DIGITAL CAMERAil-gabbiano-Jonathan-Livingston_web

OLYMPUS DIGITAL CAMERA 

campagna-brulla_web

Fiaba amiciziafiaba

OLYMPUS DIGITAL CAMERA 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Cristina Simoncini

Residente in Aprilia dal 1989, dal 1997 frequenta i Corsi di Disegno, Acquerello e Olio con il Maestro Antonio De Waure. Co-fondatrice nel 2004 della nuova “Associazione Arte Mediterranea” di via dei Peri, è membro del ConsiglioDirettivo dell’associazione.

Co-fondatrice della rivista “Occhio all’Arte”, in cui svolge il ruolo di redattrice e di responsabile del marketing.
Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali tra cui si ricordano:
Dal 1997 al 2015 mostre collettive di fine corso
Nel 2001 mostra collettiva presso il “Centro Polivalente” – Aprilia
Giugno 2004, mostra personale presso la Galleria d`Arte “La Tavolozza” – Aprilia
Aprile 2005, mostra personale presso il ristorante “l’escargot” – Aprilia.
Novembre 2005, mostra collettiva “ARTINSTORE” presso T’STORE Trussardi – Aprilia
Dicembre 2005 mostra di beneficenza “Una fiaba per un bambino”.
Aprile 2006, mostra personale presso il ristorante “l’escargot” – Aprilia.
Luglio 2006, mostra personale presso il “Caffè Latino” – Aprilia.
Novembre 2006, pannello collettivo “Aprilia Oggi e Domani”, esposto presso la Biblioteca di Aprilia.
Dicembre 2006, mostra di beneficenza “I bambini guardano”.
Dicembre 2007, mostra di beneficenza “Manda un augurio a…”.
Febbraio 2008, mostra personale presso la Sala Manzù di Aprilia.
Agosto 2008, mostra collettiva presso la Accademia A.S.I.A.A. di Tor San Lorenzo – Ardea
Ottobre 2008, mostra personale presso la Accademia A.S.I.A.A. di Tor San Lorenzo – Ardea
Luglio-Settembre 2009, mostra personale presso il ristorante “Ristorart” di Roma
Dal 2Ottobre 2008, mostra personale presso la Accademia A.S.I.A.A. di Tor San Lorenzo – Ardea
Luglio-Settembre 2009, mostra personale presso il ristorante “Ristorart” di Roma
Dal 2002 al 2011 partecipa alla “Rassegna di Arti Figurative” Rotary International:
Giugno 2006, menzione speciale della giuria.
Luglio 2007, menzione speciale della giuria.
Giugno 2008, menzione speciale della giuria.
Giugno 2010, secondo premio.
Maggio 2011, menzione speciale della giuria
Gennaio 2012, mostra collettiva presso la Sala Manzù di Aprilia
Novembre 2014, partecipazione con due dipinti al catalogo dell’Associazione “Libera Espressione”
Dicembre 2014, mostra collettiva pressi il “Paradiso sul Mare” di Anzio

Violino e farfalla

SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Sax_Buterfly

SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Butterfly

SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Beboop

SAMSUNG CAMERA PICTURES
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Pittura

PITTURA

Massimo Lanciotti (1957-2016)

MASSIMO LANCIOTTI

Nasce ad Aprilia l’08 novembre 1957 dove ha vissuto e lavorato. Frequenta l’Istituto d’Arte di Latina e, dopo il diploma nel 1983, si iscrive alla scuola di fumetto e illustrazione di Roma dove, successivamente, porta a termine un corso di perfezionamento per illustratori e aerografia.

Curriculum Vitae
1981- MOSTRA NELL’AULA CONSILIARE DEL COMUNE DI APRILIA,
DAL 1983 AL 1986 ESPONE IN TRE PERSONALI A LATINA,
SEMPRE A LATINA NEL 1985 PARTECIPA AD UNA MOSTRA COLLETTIVA A PREMI RISULTANDO VINCITORE NELLA CATEGORIA GRAFICA D’ARTE.
1988-89 A ROMA ESPONE IN DUE MOSTRE COLLETTIVE (VIA DEL CORSO, VIA NOMENTANA) E PARTECIPA AD UNA EDIZIONE DEI CENTO PITTORI DI VIA MARGUTTA.
1990- MOSTRA COLLETTIVA “TAVOLOZZA D’AUTUNNO”
1° PREMIO DELLA CRITICA COME MIGLIOR ARTISTA EMERGENTE
1991 – MOSTRA COLLETTIVA “TAVOLOZZA DI PRIMAVERA”
1992 – ENTRA A FAR PARTE DELLA BOTTEGA DEI CARRI ALLEGORICI DELLA CITTA’ DI APRILIA, REALIZZANDO PER DIECI ANNI I PROGETTI E LE SCENOGRAFIE DEI CARRI CARNEVALESCHI
DAL 2002 RIPRENDE L’ATTIVITA’ ESPOSITIVA IN SVARIATI COMUNI DELLA REGIONE LAZIO
2012 – PRENDE PARTE AL WORKSHOP NELLA LOCALITA DI DRAGONI, CHE VEDE LA PRESENZA DI NUMEROSE PERSONALITA’ ARTISTICHE INTERNAZIONALI, RICEVENDO OTTIME CRITICHE
2012 – PARTECIPA ALLA RIVALORIZZAZIONE DEL CENTRO DI PASCELUPO, IN UNA “EX TEMPORE” CON ARTISTI DI FAMA INTERNAZIONALE, DONANDO LE OPERE REALIZZATE PER UNA ASTA BENEFICA.
INAUGURAZIONE DELLA GALLERIA D’ARTE “SPAZIO 121” A PERUGIA IN UNA MOSTRA COLLETTIVA CON ARTISTI INTERNAZIONALI
2012- NEL MESE DI GIUGNO E’ PRESENTE NELLA CITTA’ DI NETTUNO CON UNA MOSTRA PERSONALE NELLA SUGGESTIVA CORNICE DEL FORTE DI SANGALLO
IL SUO STILE PITTORICO E’ INDUBBIAMENTE FIGURATIVO E L’ARTISTA HA SPERIMENTATO UN ACCOSTAMENTO TRA LA PITTURA FIGURATIVA E LA PROSA O LA POESIA.

il_caffe_delle_5_e_40_cm_60x60_olio_su_tavola_telata_2012

l_orecchino_verde_cm_60x60_olio_su_tavola_telata_2013

Mani_cm_120x50_olio_e_pastello_su_tavola_2011

Riflessi_Notturni_cm_120x160_olio_su_tavola_2011

The_Black_Swan_cm_92x52_olio_su_tavola_2012

Visioni_di_Mondrian_al_museo_etrusco_cm_60x60_olio_su_tavola_telata_2012_

la_scultrice_cm_60x80_olio_su_tela_2012

Bruno Savioli

Bruno Savioli, nato a Latina il 1° giugno 1968. Vive ad Aprilia da sempre. Da 15 anni convive con la compagna Elisabetta; ha 2 figlie Carola e Irene, di professione è autocarrozziere.

La sua passione per l’arte si è sviluppata tardi, circa 8 anni fa, quando si è appassionato al mondo dei Bruno Savioli, nato a Latina il 1° giugno 1968. Vive ad Aprilia da sempre. Da 15 anni convive con la compagna Elisabetta; ha 2 figlie Carola e Irene, di professione è autocarrozziere.

La sua passione per l’arte si è sviluppata tardi, circa 8 anni fa, quando si è appassionato al mondo dei presepi (d’inverno) e delle sculture di sabbia (d’estate). Autodidatta al 100%, spinto solo dal piacere di creare composizioni artistiche. La passione per il disegno arriva quando scopre la dislessia della figlia: si informa sul tema leggendo libri e articoli, riconoscendo alcune ‘difficoltà’ per averle vissute in prima persona fin da bambino. Capisce quindi di aver trasmesso lui alla propria figlia questo che la scienza definisce DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento), ma che in realtà potrebbe essere proprio la ‘causa’ della sua innata capacità artistica. Continuando ad interessarsi all’argomento dislessia, infatti, si convince che a questo stato si associa spesso uno spiccato senso per l’arte, come la storia insegna: erano ad esempio dislessici Leonardo Da Vinci e Picasso. Nel 2014 inizia a disegnare e, spinto dalla compagna, si iscrive all’Associazione Arte Mediterranea, dove segue le lezioni del Maestro Antonio De Waure: s’innamora subito del disegno, in particolare del pastello. Per approfondire la conoscenza delle tecniche inizia a seguire i corsi di uno tra i più bravi pastellisti d’Europa, lo spagnolo Ruben Belloso Adorna. Grazie a queste esperienze riesce a confrontarsi con molti pastellisti da tutto il mondo. Predilige dipingere ritratti la cui caratteristica è l’incredibile realismo, curato fin nei minimi dettagli In soli 2 anni Bruno ha raggiunto risultati giudicati ottimi dal pubblico che ha potuto ammirare i suoi ritratti. presepi (d’inverno) e delle sculture di sabbia (d’estate). Autodidatta al 100%, spinto solo dal piacere di creare composizioni artistiche.

La passione per il disegno arriva quando scopre la dislessia della figlia: si informa sul tema leggendo libri e articoli, riconoscendo alcune ‘difficoltà’ per averle vissute in prima persona fin da bambino. Capisce quindi di aver trasmesso lui alla propria figlia questo che la scienza definisce DSA (Disturbo Specifico dell’Apprendimento), ma che in realtà potrebbe essere proprio la ‘causa’ della sua innata capacità artistica. Continuando ad interessarsi all’argomento dislessia, infatti, si convince che a questo stato si associa spesso uno spiccato senso per l’arte, come la storia insegna: erano ad esempio dislessici Leonardo Da Vinci e Picasso. Nel 2014 inizia a disegnare e, spinto dalla compagna, si iscrive all’Associazione Arte Mediterranea, dove segue le lezioni del Maestro Antonio De Waure: s’innamora subito del disegno, in particolare del pastello. Per approfondire la conoscenza delle tecniche inizia a seguire i corsi di uno tra i più bravi pastellisti d’Europa, lo spagnolo Ruben Belloso Adorna.

Grazie a queste esperienze riesce a confrontarsi con molti pastellisti da tutto il mondo. Predilige dipingere ritratti la cui caratteristica è l’incredibile realismo, curato fin nei minimi dettagli. In soli 2 anni Bruno ha raggiunto risultati giudicati ottimi dal pubblico che ha potuto ammirare i suoi ritratti.

943990_675346429275327_1976147044045325391_n

11659394_675354115941225_617538372287110714_n

13118835_707478099395493_5376116895129870542_n

Germana Picchioni

Architetto ed Artista, dopo aver lavorato nel mondo dello spettacolo e delle scenografie, nel 2013 ha esordito come artista ed intrapreso una nuova carriera. Attraverso i suoi numerosi viaggi ed esperienze di vita, trae ispirazione in ogni dove, rappresentando con varie tecniche fra pittorico tradizionale e arte digitale, scenari e personaggi in bilico fra fantasia ed ironia.
_______
Germana Picchioni4
___________
Germana Picchioni
________
Germana Picchioni3
_______________________
13537576_1173328122697924_4958871670609126997_n
_______
13700172_1188435651187171_2621869241880286693_n
________
13510800_1173331882697548_4613748110236729868_n
________
13450884_1169261329771270_4220570293075270290_n
_________
13495108_1173335486030521_4098735674946898934_n
________
13533103_1173341532696583_8586454166584626550_n
_______________
10

Mirco Marcacci

Mirco Marcacci (Todi 6 gennaio 1975) è un artista visivo italiano.Allievo della cattedra di Pittura del prof. Nunzio Solendo all’Accademia di Belle Arti di Roma tra il 1998 e il 2003 e di Szymkowicz e Ruelle alla Academie Royal des Beaux Arts di Bruxelles inizia ad esporre nel 1999 con una sua opera presentata in occasione della conferenza “Kosovo no va a ser una guerra humanitària” dei Medici Senza Frontiere a Lleida in Spagna.
La sua produzione, opere su carta, olii e smalti su tela, è manifestazione insopprimibile del suo forte sentire e manifesta legami profondi con le tematiche care all’Esistenzialismo. Al centro della sua personale ricerca c’è sempre l’uomo. La figura umana viene messa a fuoco nella sua totalità o analizzata e scandagliata nel dettaglio in una costante ricerca di un linguaggio che possa esprimere e porre in relazione il materiale con l’immateriale, far convivere la raffigurazione della macchina di carne perfetta per eccellenza con la rappresentazione delle incertezze e delle debolezze proprie dell’animo umano.
Dal 2004 nel suo corredo creativo compaiono originali sperimentazioni con il vetro. Scolpisce vetro infrangibile e lo inchiostra dando vita a volti definiti dalle fratture del vetro stesso.
Dal 2007 la sua produzione non ha dimora fissa e si muove tra Europa, Asia e Sud America.

Una selezione delle sue opere la trovate qui: Mirco Marcacci fanpage.

Mirco Marcacci. SJ02

Mirco Marcacci. SJ03

Mirco Marcacci. Studio

Mirco Marcacci.2

Mirco Marcacci.3

Isabella Pugliese

Isabella Pugliese è nata Serrastretta CZ il 17/09/54, risiede ad Aprilia (LT).
Da sempre amante della pittura , ha frequentato lo studio dell’artista Alberto Serarcangeli di Latina.
Protagonista già di alcune mostre collettive ad Aprilia, Latina e Roma, la prima personale nel 2003 nei locali della biblioteca comunale di Aprilia.
Nel 2003 si classifica seconda alla IV edizione del premio “Venere” a Pomezia, nel 2004 tiene una esposizione per la IV rassegna presepiale “Mimmo De Marco”.
Il 16 ottobre del 2005 inaugura un’altra mostra personale ad Aprilia, nel 2006 partecipa alla IV mostra di arte presepiale “ PRESEPI…AMO IN APRILIA”.
Nel 2007 si classifica al terzo posto al concorso “ROTARY CLUB APRILIA-CISTERNA” con il magnifico dipinto “Le amiche”.
Il 18 maggio 2007 partecipa alla mostra collettiva“Osservando…Studiando Duilio” presso il museo Cambellotti di Latina.
Dal 28 marzo al 4 aprile 2008 i suoi quadri sono rimasti esposti nei locali della scuola superiore di Latina A.Manzoni in occasione della mostra “Artisti a Confronto”.
Dal 2 Aprile al 31 maggio 2008 è stato possibile ammirare i quadri della pittrice apriliana presso il Monastero S. Vincenzo M. a Bassano Romano.
Nel mese di luglio 2008 partecipa alla 3^ edizione della rassegna perenne di Affreschi d’Autore a tema “Scene della vita di S.Antonio Abate,Patrono di Fara Filiorum Petri” per l’anno 2008, realizzando un dipinto su parete esterna nella misura di 180 X 240 cm. nel centro storico del comune di Fara Filiorum Petri in provincia di Chieti.
Dal 1 all’ 8 aprile 2009 partecipa alla mostra collettiva dedicata a Papa Giovanni Paolo II nella Basilica di S. Maria in Aracoeli a Roma.
dal 23 al 30 settembre 2009 espone i suoi dipinti nella galleria “La Pigna” a ROMA.
l’11 novembre 2009 in occasione dell’udienza generale del Papa presso la Sala Nervi del Vaticano l’artista dona un ritratto di Benedetto XVI° da lei realizzato proprio nelle mani del Sommo Pontefice.
dal 20 febbraio al 30 marzo 2011 partecipa con 4 dipinti ad una mostra collettiva a Roma in ia del seminario, 111 (zona Pantheon) in una sala presso il bar/pub Dakota.
e-Mail:puglieseisabella@libero.it

Isabella Pugliese. Amore colto
Amore colto
Leo
Leo
Isabella Pugliese. L'ho detto al mare
L’ho detto al mare
Isabella Pugliese. Piazza Roma, Aprilia
Piazza Roma, Aprilia
Spintino mediterraneo
Spuntino mediterraneo

Riccardo Ridolfi (1963-2016)

RICCARDO RIDOLFI (1963-2016)

Riccardo Ridolfi, in arte Woody, è nato ad Anzio il 22 febbraio 1963 ma ha vissuto e lavorato ad Aprilia.

La sua è una pittura polimaterica che nasconde e blocca, nei pigmenti e nelle colle, componenti elettronici, bambole, oggetti di scarto, rifiuti, oggetti raccolti per strada. Alla plastica e al metallo Riccardo “infonde una liricità intensa, data dallo stridente contrasto tra la povertà dei materiali usati e l’armonia della composizione. I colori accesi, prevalentemente primari, sembrano mascherare una realtà dura, che nonostante tutto svela un essenza forte, femminile, portatrice di rigenerazione. Così, ciò che è stato consumato riprende vita e si trasforma in fiori, paesaggi e tramonti.” (F. Calandro)

artista particolarmente caro e noto agli amanti dell’arte contemporanea pontini, per i suoi polimaterici lirici, inquietanti.

Il Sindaco Antonio Terra, a nome proprio dell’intera Amministrazione Comunale, esprime cordoglio e vicinanza alla famiglia per la grave perdita.

Dello stimato Riccardo Ridolfi si ricorda l’atipicità che ne caratterizza la produzione artistica, derivante da una grande sperimentazione di materiali e colori. Con lo pseudonimo di Woody ha firmato nel 2000 uno dei quadri della pinacoteca comunale e, tra il 2012 e il 2013, è stato curatore del progetto “Datti spazio”, laboratorio per la realizzazione di un’opera d’arte collettiva con materiale di riciclo. Il quadro completato, “Nella notte buia danzano”, è stato poi esposto l’8 luglio del 2013 sulla facciata del plesso scolastico “Marconi”.

Nella notte buia danzano di Riccardo Ridolfi

Tra il 2012 e il 2013, è stato curatore del progetto “Datti spazio”, laboratorio per la realizzazione di un’opera d’arte collettiva con materiale di riciclo. Il quadro completato, “Nella notte buia danzano”, è stato poi esposto l’8 luglio del 2013 sulla facciata del plesso scolastico “Marconi””.