Mario Spagnoli

Nato a Frascati nel 1969, ha vissuto a Rocca Priora fino al’età di 28 per poi trasferirsi ad Aprilia. E’ sposato e ha due figli, Giulia a Gabriele.

Coltiva la passione del disegno, della pittura e dell’arte in generale da quando era bambino, ha frequentato l’istituto d’arte Silvio D’Amico a Roma ma ha interrotto gli studi per problemi familiari.

Ha vinto un concorso di disegno indetto dalle scuole dei castelli romani quando frequentava le medie, ha studiato musica per 22 anni imparando a suonare svariati strumenti musicali (percussioni e flauto traverso i principali strumenti) e ha abbandonato la musica per riprendere la sua passione di sempre, la pittura.

Oggi, grazie all’associazione Arte Mediterranea, può coltivare ancora questo suo grande sogno alla ricerca della sua strada artistica utilizzando varie tecniche dall’olio all’acrilico, dalla pittura materica all’acquerello per finire alla tecnica mista.

 

La danza delle stelle

——17308740_10211196284496971_4987684771383061163_n

15578724_10210369475867272_4353935316960744363_n

Autunno

Composizione

Eccentrica melodia

Aurora boreale

17498534_10211274515812705_2849143769804153278_n

—–17862561_10211498902222225_5516196978682947612_n

—-15578552_10210333953579237_311281302884349072_n

Davide Arcodia

Davide Arcodia, nato e cresciuto ad Aprilia, si è scoperto pittore bimbetto.

Negli anni ha seguito corsi presso Arte Mediterranea, che lo affinato nella tecnica e nell’uso dei materiali, ma lui il talento del pennello ce l’ha innato.

Classe 1998, Davide rappresenta nelle sue tele ciò che gli  occhi sensibili e attenti della sua anima lo stimolano di più.

Ma dove eccelle veramente sono i ritratti: espressivi, vivi e veritieri, insomma perfetti.

Prossimo al diploma liceale, Davide nutre come ambizione lavorativa quella di unire la sua passione per la pittura al mondo dei motori: diventarne designer. Sarebbe magnifico!

Di Marina Cozzo

18049708_1172329156209800_135598512_o

____18053316_1172330909542958_178195795_o

18053500_1172332972876085_2072691414_o

Associazione Arte Mediterranea

L’Associazione Arte Mediterranea opera sul territorio di Aprilia (LT), cui è profondamente legata, da ormai 20 anni.
Ogni anno sono proposti corsi propedeutici per coloro che si avvicinano per la prima volta all’arte (come il corso di disegno per adulti o bambini); i corsi canonici di tecnica (acquerello e olio); corsi d’integrazione di anatomia, prospettiva e composizione; per ulteriori approfondimenti teoria del colore.

A chi desidera scoprire qualcosa di inusuale proponiamo: intarsio su legno, illustrazione, xilografia, modellazione con plastilina e creta.
Grazie alla collaborazione con l’Associazione FocusFoto è presente un corso di fotografia.
Se amate l’arte ma non avete doti artistiche pratiche niente paura! L’Associazione vi tiene costantemente informati col suo magazine mensile “Occhio all’Arte”; se hai la passione per l’arte e vuoi condividere le tue opinioni, critiche e recensioni su mostre d’arte, concerti, opere teatrali e tutto ciò che concerne la cultura e l’arte in senso ampio la nostra redazione ti aspetta alla sede dell’Associazione in via dei Peri, 45 Aprilia (LT).

Fonte: sito Associazione Arte Mediterranea

Veronika M. Scurto

“Nata il 6 Aprile  1996 ad Anzio. Il mio nome d’arte è Nemesi, perché per me rappresenta l’incertezza di questo cammino, visto che questo sostantivo ha svariati significati.

Non ho mai frequentato corsi d’arte sono autodidatta se così si può dire, mi sono avvicinata all’arte quand’ero giovanissima. Da piccolina mi piaceva tantissimo disegnare e sporcarmi con le tempere, poi con il tempo mi sono avvicinata anche alla pittura sul vetro e agli acquarelli. Per me l’arte rappresenta tutto ciò che c’è di bello in questa vita, rappresenta un’ancora di salvezza da quella che era ed è la mia vita: Il rapporto pessimo con mio padre, il passato scolastico, le delusioni d’amore e così via”.

Veronika
_____________16976438_1216944725080246_360491473_n__________________________16976339_1216944731746912_1284434566_n_____________16933705_1216944705080248_1798246400_n_____________16976410_1216944681746917_573821595_n_____________16923800_1216944728413579_1842543560_n

Luciano Tomasi

 

Nato a Pontinia (LT), dopo gli studi tecnici, aveva sviluppato questa sua naturale tendenza diplomandosi al Liceo Artistico di Latina, sotto la scuola di Amerigo Ciccarelli, che era stato a sua volta allievo di Emilio Greco. Di qui la sua abilità nel disegno e specialmente nel tratteggio. Aveva esordito ufficialmente nel 1975 con una personale a San Felice Circeo, raccogliendo sin da allora consensi di pubblico e di critica.

CRITICHE

Prefazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali

Rocco BUTTIGLIONE

Quando l’arte diventa poesia

L’Italia ha un immenso patrimonio storico artistico, unico al mondo. La grandezza del passato non deve comunque far dimenticare che la cultura per mantenersi viva deve produrre nuove opere, cercare continuamente di dare voce alle domande dell’uomo. Sono stato a Venezia, nel mese di giugno, alla biennale di Arti Visive e ho ammirato tante opere d’arte contemporanea. Italiane, poche. Per questo provocatoriamente, accettai l’invito della “antibiennale” organizzata da decine di artisti italiani che si sentivano esclusi e per protesta avevano tappezzato una chiesa sconsacrata con un “mosaico” di loro realizzazioni. Bisogna guardare con attenzione e partecipare a chi porta nelle sue opere la propria identità storica e culturale. Non si dialoga con gli altri se non a partire dalla propria storia. E’ pericolosa perciò l’idea che in Italia c’è solo grandissima arte dei secoli passati e non ci siano oggi nuovi artisti che cercano proprie vie. Semmai è vero che le nuove generazioni spesso fanno fatica ad essere riconosciute da circuiti dei galleristi e dei musei. Un mio vecchio pallino è quello di chiedere alle nostre ambasciate nel mondo di esporre per un certo periodo le opere di un artista italiano contemporaneo, meglio se giovane. E’ un’idea, come possono essercene tante altre, per giungere all’obbiettivo di creare un palcoscenico qualificato per i nuovi pittori, emarginati troppo spesso dalle logiche commerciali. Anche questo il ministero dei Beni culturali sostiene con il patrocinio mostre come quella di Luciano Tomasi. Perché è facendosi conoscere che un artista entra in contatto con la sua comunità proponendo la propria visione e al tempo stesso sottoponendosi al vaglio del giudizio degli altri. La pittura ad acquerello di Tomasi è una tecnica che esprime con delicatezza gli stati d’animo. Le sue opere che rappresentano paesaggi, maree, cieli, traggono ispirazione e identità dal legame con la propria terra. E se è vero che un’opera d’arte deve colpire il mondo delle emozioni, Luciano Tomasi, con la sua arte, ci riesce.

Con stima e amicizia.

Roma, 10 novembre 2005.

Prof. Carmine Benincasa

Nell’arte romantica, scriveva Marguerite Yourcenar (1), l’uomo si getta sulla natura, portandovi la sua pena e le sue grida. Nell’arte del novecento, l’uomo fa esplodere la natura, arresta o affretta precipitosamente l’evoluzione delle forme. Nel 1942 la Yourcenar nel suo Carnet di appunti (1942-1948): annotava “Ogni uomo è signore, a bordo, dopo Dio. Ogni uomo è prigioniero in fondo alla stiva. E nave e insieme marinaio. Oceani vuoti, coste abbandonate per sempre o mai raggiunte, fari, naufragi, bottiglie a mare: eccoci tornati ai tempi in cui le metafore riacquistano valore e sostanza di cose; di nuovo si misurano in miglia marine o terrestri, in unità di spazio o di pericolo. E se la bottiglia, con una chioma d’alghe, danza per sempre sul mare senza che nessuno la scorga, la ripeschi e la salvi, avrai almeno fatto galleggiare un fragile oggetto umano sulla superficie delle onde “sono figlio della terra e del cielo stellato sono della stessa sostanza del cielo”, un iniziato greco in una delle più pure poesie (2).

Luciano Tomasi entra in comunione con il cosmo attraverso la sua delicatissima pittura, leggera, appena accennata nei tratti e con un tenue colore che non forza le cose, le accarezza ( cavalli o paesaggi di campi o marine pullulanti dal velo della memoria).
Come ha scritto Rocco Bottiglione presentando una sua personale, nel 2005, Tomasi usa una tecnica che esprime con delicatezza gli stati d’animo. “Paesaggi, mare, cieli, traggono ispirazione e identità dal legame con la propria terra” (3). La sua pittura è un brano autobiografico di una creatura di pace e di contemplazione. I suoi quadri non spalancano né violentano la nostra coscienza, piuttosto con pudore bussano al nostro sguardo per chiedere parziale condivisione di sentimenti e di orizzonti. Cercano solo l’equivalente della notazione musicale o del linguaggio dei Numeri. E’ nelle sue opere in grande viene accarezzato con delicato stupore. Questa è la vita. Tomasi la sa amare con morbida carezza di sguardo.

La mano leggera di Luciano Tomasi
di Costanzo Costantini

Una volta i pittori e gli scultori gareggiavano nel disegno, fors’anche perché nelle scuole veniva insegnato loro che Leonardo considera il disegno un’arte divina. E non parlo dei pittori e degli scultori del passato, ma dei pittori e degli scultori moderni, prossimi a noi o tuttora operanti, come Macari, Guttuso, Clerici, Vespignani, Caruso, Porzano … Il giovanissimo Vespignani si era presentato con una cartella di disegni sotto il braccio a Gaspero Del Corso, il leggendario gallerista della Marcherita, poi diventa il più che celebre Obelisco di via Sistina. Il giovane Clerici era andato da Savino con un album di disegni. Anche Giorgio de Chirico considerava il disegno un’arte divina, base di ogni costruzione plastica. Emilo Greco era oltremodo orgoglioso perché Ricasso lo aveva definito uno dei migliori disegnatori d’Europa.
Questo preambolo per dire che Luciano Tomasi è un valente disegnatore. Egli possiede una mano leggera, un segno rapido, preciso e conciso. I suoi disegni, a matita o a china, hanno una levità, un nitore, una purezza più che notevoli. Poche linee, pochi tratti, qualche tratteggio a mò di chiaroscuro, come nelle Nature Morte con bottiglie, vasi, bicchieri e libri. Piccoli esempi mirabili di sapienza tecnica, che evocano il magistero di Morandi e di Greco.
I suoi acquerelli e i suoi olii rivelano una fantasia compositiva e una gamma cromatica più varie e più ricche, ma sono anch’essi ispirati, in prevalenza, allo stesso rigore. Gli acquerelli, in particolare, ci pongono sotto gli occhi paesaggi incantati, dalle atmosfere sospese, dalle cromie soffuse, come nella pittura primitiva italiana. Radure multicolori, dalle variazioni e gradazioni appena percettibili, campiture dalle quali spuntano cespugli, macchie, alberelli, casupole, o alberi alti e sottili dal fogliame trinato di contro a cieli evanescenti, entro grandi spazi monocromi, gialli, cinerini, azzurrognoli, rosati.
Ma talora il pennello scalpita e il paesaggio si accende, s’arruffa, esplode o divampa, come nell’acquerello con il quale ha ottenuto il Premio Acquisto da parte della Biblioteca di Latina, o l’olio in cui una barca è in balia d’un mare in tempesta sotto un cielo corrusco, investito da bagliori d’incendio.
Oltre che la leggerezza del segno, Luciano Tomasi si distingue per l’uso dei mezzi toni, nonché per le atmosfere rarefatte, velate di magia, che attingono la sfera della poesia.

http://www.lucianotomasi.it/wordpress/

alberi-sul-lago-olio-spatola-su-tela-50x70-cm-collezione-privata-1976

alberi-al-tramonto-acquerello-50x70-cm-collezione-privata-1976-comune-di-latina

alba-sulla-campagna-pontina-olio-su-tela-35x50-cm-2003-1

sabaudia-torre-paola-incisione-a-cera-molle-acquaforte-su-lastra-di-zinco-mm-1-acquerellata-a-mano-formato-carta-35x40-cm-2012

sabaudia-torre-paola-incisione-all-acquaforte-su-lastra-di-zinco-mm-1-p-d-a-formato-carta-35x40-cm-740x560

cavalli-incisione-a-cera-molle-allacquaforte-su-lastra-di-zinco-mm-1-35x5-cm-2013

barche-in-tempesta-acrilico-su-tela-50x60-cm-2014

figura-acquerello-sanguigna-42x55-cm-1988

figura-litografia-su-lastra-di-zinco-di-mm-1-acquarellata-a-mano-35x50-cm

figura-acquerello-su-carta-50x70-cm-1980

 

 

Patrizio Bersani

Patrizio Bersani è nato a Roma il 24 luglio 1967 e attualmente vive ad Aprilia.

“Ho scoperto il mio modesto talento artistico subito dopo la morte del mio adorato papà nel 1996. Ho partecipato ad alcune mostre locali e frequentato per alcuni anni studi sull’arte sempre  in area locale. Dipingo ad olio e acrilico, paesaggi, fiori, mare, stemmi araldici e altro”.

Contatti e scambi di idee: e-mail Patrik49@inwind.it – Facebook: Bersani Patrizio.

15203326_10209578286285736_4129281696272012157_n

14915447_402921003429955_3145187616938624138_n

barca-in-mare-78547.jpg