Veruska Vertuani

Nata a Velletri il 9 febbraio 1974, dopo pochi giorni viene trasferita ad Aprilia (Lt) dove tuttora risiede. All’età di dieci anni inizia lo studio della danza classica che abbina, nel corso dell’adolescenza, a quello di altre discipline coreutiche; l’amore per la danza contrassegnerà sin da subito il percorso di scrittrice e gli elementi salienti la sua poetica.

Terminato il Liceo Classico, frequenta a Roma la facoltà di Scienze Statistiche ed Economiche e, laureata, intraprende la professione di consulente aziendale.

Nel 2008 si avvicina alla scrittura per metabolizzare il dolore per la perdita della nonna materna; inizia a spremere parole girovaghe in fazzoletti di spazio, per poi limarle ed incanalarle, solo apparentemente, in una direzione unica.

Co-fondatrice di un’associazione sportiva dilettantistica nel settore danza, abbina allo studio l’insegnamento della danza classica.

“Dare voce ai gesti” è il punto fermo dei suoi componimenti.

In perenne ricerca della contaminazione, il corpo e la materia sono il filo conduttore dei suoi scritti che tende a portare al limite della dissacrazione.

Veruska intende la poesia come quella fisicità che le calza addosso senza grinze ma è anche l’inciampare distratto dei sogni, il raccogliere e conservare bislacche tracce che essi lasciano lungo la strada del tempo.

Dal 2010 partecipa a concorsi letterari sia nazionali che internazionali, ottenendo ottimi piazzamenti, tra cui spicca il secondo posto al “Premio Gianfranco Rossi per la giovane letteratura” organizzato dal Gruppo Scrittori Ferraresi, il quinto posto (“Memorial Alessandro Lisbon”) alla VII edizione del Concorso Internazionale “Carmelina Ghiotto Zini” organizzato dall’Associazione Culturale ed Artistica “L@ Nuov@ Mus@” di Aprilia; Premio speciale della giuria alla IX Edizione del Premio Artistico Letterario Internazionale “Napoli Cultural Classic”; terzo posto alla XXIX edizione del Concorso di Poesia: “Antico Ottorino ed Elisa Benvegnù Ortu” organizzato dal Comune di Pontelongo (Padova), primo posto sez. over 31 al VII Concorso Nazionale di Poesia “Chiaramonte Gulfi-Città dei Musei”, segnalazione alla I Edizione del Premio Nazionale di Poesia “Terra di Virgilio” (Comune di Mantova), primo posto al XVIII Concorso  di Narrativa e Poesia “Laghese”.

A giugno 2015 è stata insignita della Medaglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri al Concorso Letterario Internazionale “San Maurelio” di Ferrara.

Di recente è stata coinvolta in giurie di concorsi letterari e collabora con associazioni culturali del territorio nella creazione di eventi e reading poetici. La si può trovare spesso a “prestare la voce” ai poeti del Caffè Letterario “Mameli27” – Roma, in compagnia dell’amica Patrizia Portoghese.

Instancabilmente curiosa, spazia tra le varie arti in una continua linea di ricerca; ha frequentato un corso di dizione e recitazione e attualmente un corso di scrittura creativa.

E’ attiva la sua pagina facebook “Frammenti di Crisalide – poesie di Veruska Vertuani” ed il blog www.sciabordarte.it, in cui è presente una sezione foto-poetica nata dalla collaborazione con il fotografo piemontese Paolo Pavan, autore della foto di copertina della silloge.

foto_q688k695

POESIE

L’infinita danza

Immergermi

nelle pozzanghere

degli occhi che hai

è avventura ancestrale.

Quei tunnel bordati di cielo

sono scivoli tra le anse

delle tue emozioni,

scorciatoie nel percorso

inverso al fluire dei miei anni.

Con guance di bimba

mi tuffo tra le tue dita,

ai capelli lego

un tuo gesto e ancora un altro.

Ti bacio i solchi

della vita,

la mia risata frizzante di tramontana

gonfia le lenzuola

della maturità

e le soffia via.

Bambino anche tu

iniziamo una danza infinita

cancelliamo i passi dell’altro

con impronte fatte di

mille possibilità.

Bendarti lo sguardo

con fili di pentagramma

è come un laccio emostatico

che imprigiona il dolore.


La pescatrice di nuvole

Non mi è concesso volare

se non con la pazzia

che mi cadenza i giorni

mentre voi partite,

arrivate, mi passate accanto

con ali sontuose e folte.

Le mie sono due mozziconi

aggrappate alla schiena,

moncherini, resti rimasugli

la negazione di ciò che è intero, insomma.

Stuzzico unghia con unghia

e viene via un’eco di cielo

che rubai ad un binario in corsa

o scivolò ad una valigia distratta.

-Mi dichiaro “Non colpevole”-

Per i miei stracci sono regina,

obbediscono alle mani

che frugano in bolle di plastica

e laceri carezzano ferite.

Voi che vi vantate di fare “il cambio di stagione”

siete piccola cosa

voi che ridete del mio blaterare sdentato

siete piccola cosa

voi che gettate le nuvole come fossero avanzi in agonia

siete piccola cosa.

Io che le pesco, le riempio con la mia vita, fino a incrinarle

io sì, che sono gran cosa.

Ogni tramonto che resta

C’è un sobbollire di rughe

sulla tua spalla di padre

e il mio orecchio s’adagia

su queste corde d’arpa

pregne delle nenie d’un tempo.

Stringo negli occhi

il profumo di passeggiate,

serro le ciglia

perché la luce non bruci

il fotogramma del nostro giocare.

Se poggio la fronte alla tua tempia

sgrano il futuro dal suo baccello,

sono un seme d’uomo, marito, padre

cosparso sull’humus

di rispetto e tradizioni,

disperso ma mai perso.

Stiamocene così

per un domani ancora

con la sabbia che pretende la pelle

e la forgia in clessidra, per rotolarci

ogni tramonto che resta.

Libera, così

Guardavo il fuori

ad altezza del suo orizzonte

gravida di frammenti di crisalide,

parassita del vetro

su cui vociavano stagioni.

Il sole, capace d’addomesticare gli occhi

i fili di pioggia, perle partorite dal lamento di ostrica

poi… il vento

pregavo mi spuntassero le mani

a cullargli la ninna nanna.

La ringhiera ossidata

dai rigagnoli di piante senza più midollo

era la mia ora d’aria,

fantasticavo sulle insenature

di quei muri a secco

domandandomi se mai

fossero stati pelle.

Sento l’alleggerirsi d’ossa

nel brivido rintocco di clessidra.

L’ultimo sforzo di tumulare la rinuncia

ha il sudore del destino

e con le ali disegnate di fantasia

valico il mondo conosciuto

per schiudermi in te.

La casa intorno al vaso

Mi piace sentire la spina arrivare addosso

e non rifuggo la bonaccia che lecca via gli scampoli.

Ammiro l’equilibrio delle foglie a pelle d’acqua

ridotte in vaso da sentenze di acciaio

ecco perché t’ho fermato il petto e mi sono chinata

in cerchi concentrici, a intonare loro l’eutanasia.

Che ne sai tu, non c’eri mai

nelle prigioni di capelli

che mi facevano lavare la fronte sulle ginocchia.

Stiracchiavo i sogni

e le foglie i loro bordi

prendevano fiato con la legge di Archimede

e poi giù, cagliate nell’acqua.

La mia poppata era dei colori del cielo, riflesso in un cristallo.

Dietro di me

ti abbassi e mi carezzi un grimaldello sul collo.

Riesco, posso e voglio

sentirti negli intenti di una nenia

come rosa che evapora a circuirmi i lobi.

Sai di velluto e tannino.

16215764_1192195717502430_1425724593_n

16215938_1192195730835762_792455143_n

16238043_1192195720835763_594615454_n

16244159_1192195724169096_767140163_n

16244440_1192195727502429_1542563991_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...